Un testa mozzata di Irvine Welsh

Irvine Welsh è uno scrittore e drammaturgo scozzese nato nel 1958.

Diventato ben presto noto grazie all’immediato successo del suo primo romanzo,Trainspotting e della relativa versione cinematografica ad opera di Danny Boyle.

Il libro Kingdom of Fife, Una testa mozzata nell’edizione italiana è stati pubblicato nel 2008.

 

Una testa mozzata
Una testa mozzata


 

Una testa mozzata” è un libro meno rabbioso, scurrile e squilibrato del solito. Non c’è ombra dell’irriverenza di “Tolleranza zero” o Porno”, neppure della ferocia e del malessere di “Trainspotting” o “Il lercio”, anche l’ironia in stile “Colla” (sempre con uno sguardo ficcante sul sociale) pare stemperata.

E’ una storia d’amore estremamente sui generis, condita con umorismo e lessico da pub, metafore tratte dal calcio, nichilismo e cinismo a quintali. La descrizione, per quanto limitante, calzerebbe alla perfezione a quest’opera di Irvine Welsh, il romanzo più breve che lo scrittore abbia mai pubblicato.

Jason King detto Jase è un ex fantino, e del fantino ha il fisico da quasi nano: 1 metro e 56 per 45 chili. Da quando ha chiuso coi cavalli, il solo “sport” che pratica è il calcio da tavolo, meglio noto come subbuteo. La vita è una specie di catena alimentare in cui sei sempre a rischio, o se vogliamo un campionato in cui devi lottare con le unghie e con i denti per non retrocedere, ‘calatroia. Jase ormai ci ha fatto il callo, eppure le sue giornate in quel macrocosmo che è il Fife, la popolosa regione scozzese nei pressi di Edimburgo, non hanno mai uno scopo. D’altronde basta poco, l’importante è potersi concedere una pinta di oro nero Guinness al Goth, il ciuccatoio locale, e una bella sega dopo aver guardato per bene i culi sodi delle fighette danarose come Lara Grant e Jenni Cahill. Lara, con cui è persino stato – e ai tempi Jase era ai limiti della pedofilia – sta con quel caprone di Monty. Jenni, la ragazza dark ancora immersa nell’adipe adolescenziale e nella musica deprimente di Marilyn Manson. Probabilmente si odiano tra loro, e l’unica cosa che le unisce è la passione per l’equitazione. Nel Fife la fauna umana è straordinariamente varia: ci sono gli altri bevitori come il Socio Watson e il Duca di Musselburgh, i letterati Sammy F. Hunter ed Ackey Shaw, l’ex reverendo Jack Anstruther ridottosi a barbone alcolizzato. Questo è il Fife, il regno del Fife. Puoi amarlo e odiarlo allo stesso tempo, ma se non riesci a svignartela è qui che ti tocca stare, finché l’uomo con la falce non tirerà fuori il cartellino rosso.

Seguimi sui social
34 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.