Paesaggi Liberi: perché nasce?

La violenza contro le donne è una delle più vergognose violazioni dei diritti umani (Kofi Annan)

 

 

Paesaggi Liberi
Paesaggi Liberi

 

 

Fin da adolescente ho avuto a cuore il problema della violenza sulla donna, un atto che ho sempre ritenuto uno dei peggiori che l’uomo possa compiere. Con il tempo questo problema è diventato una parte molto importante del mio pensare e del mio essere uomo e qualche anno fa ho deciso di scrivere qualcosa sul tema, esprimere un mio pensiero e vi confesso che scrivere su questo tema per me è molto difficile, non sono una donna, non capirò mai fino in fondo la violenza, ma la mia sensibilità mi porta ad immedesimarmi in una donna e sfiorare il suo dolore, sensazione che mi colpisce molto, ma veramente molto, il mio cuore nudo su un dolore molto grande . Inoltre volevo scrivere qualcosa che raccontasse la violenza, qualcosa di reale e qualcosa che servisse a dare un contributo nella difficile battaglia contro la violenza sulle donne, quindi è nato l’idea di Paesaggi Liberi, un progetto letterario con il contributo di tante persone e non solo il mio, un progetto da portare il giro, usare la poesia per sensibilizzare le persone su questo problema.

La violenza contro le donne da qualche tempo è sempre più al centro del dibattito pubblico. E il perché è presto detto: persino in un’epoca che si professa civilizzata come la nostra il fenomeno sta raggiungendo dimensioni che definire barbariche è poco. Un problema gravissimo, spesso sottovalutato, io invece credo che tutti noi abbiamo l’obbligo morale di sensibilizzare la società verso questo problema. Così nasce l’Antologia Paesaggi Liberi, una raccolta di poesie e racconti a tema Violenza sulla Donna, perché io ho sempre creduto che anche l’arte può essere educativa. L’antologia è inserita in un progetto di sensibilizzazione sul tema Violenza sulla Donna e dopo la sua presentazione ufficiale nel marzo 2018 a Vignola (MO), sarà presentata in incontri pubblici nelle scuole e in varie associazioni, partire dalla poesia per arrivare a sensibilizzare su questo grave problema. Io lo definisco un progetto in itinere e aperto a tutti; in itinere perché con il tempo stiamo sviluppando e creando nuove collaborazioni e nuove serate a tema, aperto perché tutti sono i benvenuti con le loro idee e le loro proposte Io da solo sono solo una goccia nel mare ma tutti insieme possiamo diventare un oceano, vi aspetto numerosi. Il ricavato dell’antologia sarà devoluto in beneficenza e in borse di studi per alunni delle scuole secondarie

 

 Pasquale De Falco,  

scrittore e ideatore del progetto Paesaggi Liberi

 

Paesaggi Liberi

 

–  Pagina Facebook Paesaggi Liberi : https://www.facebook.com/paesaggiliberi/

– Contatti Paesaggi Liberi : tramite pagina facebook oppure tramite email : [email protected]

Seguimi sui social
17 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.