Oscar Wilde

Ieri insieme ad uno sparuto corteo mi recai alla Chiesa di St. Germain des Pres , Parigi

per la triste cerimonia che chiudeva l’esistenza dell’uomo che più di ogni altro era stato la delizia, lo stupore, lo scandalo dell’Inghilterra vittoriana.

Oscar Wilde: nasce il mito .

Oscar Wilde
Oscar Wilde

 

Mi risveglio e mi immergo nei suoi pensieri;  funerale mesto per un’anima divina, quanti gli daranno l’ultimo saluto?

Quale luogo accoglierà la sua anima controversa ?

Una fata dagli occhi di velluto bacia la sua bara distesa su spiagge felici.

Posare a sodomita fino alla sua condanna ai lavori forzati e lui tragica vittima su cui si è riversata l’ipocrita violenza di un mondo perbenista e bigotto.

Il giudice vittoriano che condanna il grande scrittore con uno sprezzante “mi rivolgo a voi sapendo che sono parole al vento: in individui che arrivano a fare cose del genere deve essere morto alcun senso del pudore, e non è possibile sperare di esercitare alcun effetto su di loro”; e le risposte di Wilde, il quale, interrogato sull’immoralità o meno che attribuisse ad un certo romanzetto omosessuale clandestino, ribatteva un ironico “era peggio: era scritto male”

La società vittoriana del tempo, più volte sbeffeggiata nel suo bigottismo e nel suo cristallizzato savoir-faire dalle provocazioni pubbliche dell’esteta Wilde, ebbe finalmente la meglio, sfiancando una così ingombrante presenza culturale e rivoluzionaria. 

Il supremo vizio è la superficialità.

 

Iscriviti alla Newsletter

 

 

Seguimi sui social
107 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.